Il Gerewol: bellezza, corteggiamento … “antichi” segnali di fertilita’?

Nella puntata di Super Quark del 14 Luglio si parla del Gerewol, noto festival della bellezza nelle popolazioni nomadi Wodaabe tra Niger, Cameroon e Repubblica Africana Centrale.  A ridosso della stagione delle piogge in Settembre i vari clan Wodaabe si radunano in luoghi tradizionali. Qui gli uomini Wodaabe di giovane eta’ sfoggiano look elaborati: ornamenti vistosi con penne di uccelli e volti dipinti dai colori brillanti. Quando la gara ha inizio, i maschi esibiscono il Yaake: laboriosa danza di corteggiamento in cui centinaia di uomini cantano a squarciagola, saltano, sorridono, mostrando ossessivamente i denti e ruotando le pupille degli occhi davanti a una schiera di attente ed esigenti giudici, giovani donne Wodaabe a cui spetta l’arduo compito di selezionare i migliori danzatori. I criteri per la scelta dei vincitori sono ben precisi: il portamento, l’uso delle spalle per mantenere la posizione, il bianco dei denti e degli occhi, le vibrazioni delle labbra, la tonalita’ della voce. Il premio, valido anche per gli uomini sposati, e’ una notte d’amore con la donna (nubile o non) da cui si e’ stati scelti. A Gerewol concluso, donne e uomini tornano con i precedenti mariti e mogli e si disperdono insieme nel deserto guardando all’imminente stagione secca.  Durante il video descrittivo andato in onda nella puntata si fa notare come “nel Gerewol siano stranamente le donne a scegliere”. Stranamente! Forse lo e’ se si pensa al Gerewol come ad un semplice concorso di bellezza dove in genere sono le donne ad essere in gara. Ma osservando il fenomeno in chiave etologica, il Gerewol  esemplifica la condizione piu’ comune nel regno animale in cui sono le femmine “selettive e ritrose” che scelgono i  maschi, favorevoli all’accoppiamento “sempre e comunque”. E spingendosi un po’ oltre, il Gerewol delle popolazioni Wodaabe sembrerebbe una sorta di lek: sistema riproduttivo evolutisi in alcune specie di vertebrati e non, caratterizzato da un’aggregazione di maschi in luoghi tradizionali a puro scopo riproduttivo in cui soltanto pochi maschi, e  con determinate caratteristiche fisiche, riescono a conquistare le femmine … forse associazione un po’ grottesca, ma irresistibilmente affascinante.

Valeria Marasco

Annunci