Medusa 2.0

Medusa (Moebius - El Incal)

***

La zoologia si fa applicazione per smartphone in un progetto che vede partecipi l’Istituto di Scienza del Mare di Barcellona (ICM) e la Commissione per la Scienza del Mediterraneo (CIESM). Il progetto MedJelly integra informazioni sull’ecologia, sulla tassonomia, e sulla distribuzione geografica delle meduse, generando archivi finalizzati a promuovere intercambi trasversali tra biologi e gestori delle risorse marine. L’applicazione, ovviamente gratuita, permette di conoscere il rischio meduse in una particolare area della costa, offrendo informazioni sul riconoscimento delle specie e sulla loro pericolosità, integrando il tutto con dati sulle condizioni del mare, la meteorologia, e le correnti. Gli utenti possono commentare, chiedere, o lasciare informazioni, in un contesto web che viene costantemente aggiornato. Scienza e turismo, insomma, in una collaborazione tra chi cerca le meduse e chi cerca di evitarle. L’applicazione è stata lanciata per le coste spagnole, ma lo sviluppo della parte italiana è già in corso. Ottimo esempio di integrazione tra ricerca, società, e gestione, dove tutte le parti in causa hanno un vantaggio reciproco, che nasce dalla condivisione delle informazioni e dall’aver progettato insieme obiettivi comuni. Una ingegnosa proposta di “zoologia applicata”, che viene benissimo per un post di ferragosto. Buone ferie a tutti, e occhio alla medusa!

Emiliano Bruner

Advertisements